Branded podcast. I casi eBay e General Electric

Alcune indicazioni per i brand marketers che vogliono iniziare a produrre i propri branded podcast

Condividi!

articolo tratto da Entrepreneur.com

I podcast sono i nuovi blog? Dal mondo in cui brand ed editori stanno investendo sui podcast, possiamo dire che abbiamo già superato la nuova frontiere del content.

Per anni, gli ascoltatori hanno ascoltato prevalentemente storie crime e storie di cultura pop, ma ora che I podcast non sono più un prodotto di una nicchia di mercato controllata da NPW, i podcast stanno andando  mainstream anche grazie all’aiuto dei brand. Ogni brand è alla continua ricerca di creare connessioni con il proprio target audience. In questo momento storico di eccesso di offerta di contenuto, i brand hanno il non invidiabile compito di capire come creare contenuto che si stagli sopra al rumore di internet.

Sempre più contenuto e sempre meno tempo. Molti consumatori non hanno questa risorsa e nemmeno l’energia, forse, di leggere articoli o saggi lunghi. Preferiscono, invece, che le cose vengano presentate loro in modo multimediale. Per questo, la fruizione dei podcast sta crescendo. Gli imprenditori, ma non solo, ad esempio, sono voraci consumatori di podcast  da cui traggono spunti e idee per il business.

Come per i blog, anche per i podcast il motivo del successo sta nella facilità di accesso al contenuto. In teoria, chiunque pub creare un podcast e distribuirlo. Ovviamente, più lo scenario diventa saturo, la strategia produci-distribuisci non basta più.

Grandi aziende come eBay e GE, stanno sfruttando pesantemente le potenzialità dei podcast. I loro podcast Open for Business e The Message hanno raggiunto il successo poiché queste organizzazioni hanno deciso di lavorare con dei produttori esperti. Sarebbe stato molto più facile per GE creare la sua iniziativa in-house. Ma GE non voleva produrre un podcast tanto per produrre, voleva sfruttare al meglio questo medium e porta in una nuova dimensione il brand GE.

Capisci il tuo pubblico.

I podcasts danno la possibilità ai marketers di pensare out-of-the-box. Ciò non significa che i brand possono abbandonare le loro identità giusto per raccontare una storia. L’unico modo in cui il branded podcast funziona è quando si crea un legame speciale tra la storie e la voce del brand.

Ad esempio, eBay sa che i suoi utenti e follower sono interessati a storie imprenditoriali di successo. Il podcast Open for Business, connette eBay e il suo target perché esplora storie reali che raccontano cosa serve per creare un business di successo. Il contenuto è informativo e ispirazione, ma è soprattutto rilevante per il target. L’azienda inoltre ha deciso di non titolare la serie con il brand poiché troppo disconnessa con l’identità propria (aste, e commerce).

Se le analisi media e le previsioni che stiamo vedendo sono vere, siamo solo all’inizio di uno sviluppo molto potente dei podcast per i brand.  Se realizzati con criterio, i podcast rafforzano le capacità di pensare oltre I propri pilastri di comunicazione e permettono così di creare nuove relazioni con i consumatori. Ma prima di investire in microfoni e software, meglio allinearsi con produttori esperti per trovare le modalità di narrazioni più idonee al brand e al proprio target.

Related: Storielibere.fm, un podcast content network

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
[wpgmza id="1"]
[contact-form-7 id="135" title="Contact form 1"]
shares